Esami documentali e merceologici su carta e inchiostri

di | 10 Novembre 2014

8

In questa sezione vi presentiamo una breve carrellata dei principali esami documentali e merceologici su carta e inchiostri che è possibile effettuare sulle scritture.

Nella casistica peritale gli esami documentali più diffusi sono: rilievo di solchi ciechi, scolorinature, cancellature, ripassi, ricalchi, interpolazioni, composizioni; queste ultime possono essere fatte con strumentazioni informatiche (computer e programmi di grafica digitale). Le altre solitamente a mano e con mezzi come gomme, bianchetti, acidi, solventi e altre sostanze chimiche.

Gli strumenti più diffusi per il rilievo delle anomalie sulla carta e sugli inchiostri sono: le semplici lenti contafili, il microscopio stereoscopico manuale o da tavolo, la lampada ad infrarossi e la lampada wood. Ci sono però anche tutta un’altra serie di strumentazioni più specifiche che servono a indagare in specifici settori delle mano scritture. Potete avere maggiori informazioni su questo tipo di esami, setti anch’essi strumentali, attraverso una appposita ricerca in rete dove troverete notizie dettagliate sia sulle tecniche utilizzate dai periti, sia delle strumentazioni che sono necessarie per realizzare questo tipo di indagini. 

Menzione a parte merita l’analisi della sovrapponibilità temporale dei tratti grafici che viene rilevata con un esame specifico chiamato “olografia conoscopica” che è una speciale tecnica di indagine volta a verificare la sequenza temporale dei tratti grafici, cioè in quale momento specifico dell’atto scrittorio sono stati apposti i vari tratti grafici. Ad esempio: prima la lettera finale o il puntino della “i”? Prima la sottoscrizione o la parafa (cioè la sottolineatura della firma)?

Esami documentali e merceologici su carta e inchiostri: a cura di Giuseppe Amico (Consulente grafologo). Per contattare il nostro studio utilizza l’apposito form contatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*